• 392.522 09 86 - 391.174 39 73

    info@cucumazzoimmobiliare.it

  • Corso Mazzini, 33

    Bari 70123

  • Orari d'ufficio

    lun-ven: 9:00 - 13:00, 16:30 - 20:00 sab: 9:00 - 13:00

wp_9088373 Novembre 14, 2018 Blog no responses

VISURA CATASTALE

E’ l’ispezione eseguita presso il Catasto (Agenzia del Territorio) o presso gli sportelli catastali decentrati, per verificare la situazione in termini di dati sia fiscali che geometrici dell’immobile.

VISURA IPOTECARIA

Viene eseguita alla Conservatoria dei Registri Immobiliari, per verificare che sull’immobile non siano state trascritte ipoteche.

UNITÀ IMMOBILIARE

Sono dette unità immobiliari: il fabbricato, la porzione di fabbricato, i gruppi di fabbricati o le aree, che producono reddito.

CATASTO URBANO

I fabbricati sono divisi in 5 gruppi a seconda della tipologia:

A= Fabbricati a destinazione abitativa o assimilabili (abitazioni ed uffici)
B= Fabbricati che interessano la collettività (collegi, ospedali, scuole ecc.)
C= Fabbricati a destinazione commerciale, depositi, autorimesse, ecc.
D= Fabbricati a destinazione speciale, immobili industriali, alberghi ecc.

E= Fabbricati a destinazione particolare.

In ogni gruppo si riscontra la CATEGORIA che rappresenta la tipologia costruttiva (di tipo signorile, civile, economica, popolare, ultrapopolare, rurale, villini, ville, castelli, uffici, alloggi tipici, collegi, ospedali, negozi, magazzini, laboratori ecc.).

La Categoria è divisa a sua volta in CLASSI, che denotano il grado di rifinitura di un immobile, infine ogni classe è abbinata alla TARIFFA.

TARIFFA CATASTALE

È il valore in termini economici per ogni categoria catastale in base alla sua classe, la tariffa moltiplicata per la consistenza determina la rendita catastale.

CONSISTENZA CATASTALE

La consistenza catastale è espressa in unità di misura diverse per ogni categoria, è la grandezza dell’unità immobiliare:

– CAT. A sono i vani catastali

– CAT. B sono i metri cubi

– CAT. C sono i metri quadri

– CAT. D – E avviene in base a stima diretta

VANO CATASTALE

Si intende ogni locale che riceve luce diretta; per gli altri locali detti accessori diretti (bagni, disimpegni, ripostigli) sono considerati 1/3 di vano cadauno; per gli accessori indiretti (cantine, sgombri, depositi, sottoscale ecc.) sono considerati 1/4 di vano cad. La somma degli elementi determinala consistenza catastale.

RENDITA CATASTALE

È il reddito che fornisce il valore dell’immobile.

MOLTIPLICATORI CATASTALI

I moltiplicatori catastali sono dei coefficienti che vengono utilizzati per il pagamento di varie imposte.

VALORE CATASTALE

Il valore viene determinato moltiplicando la rendita catastale per i seguenti coefficienti moltiplicatori

CATEGORIA PRIMA CASA ALTRI IMMOBILI RIVALUTAZIONE
A/1 110,00 120,00 1,05
A/2 110,00 120,00 1,05
A/3 110,00 120,00 1,05
A/4 110,00 120,00 1,05
A/5 110,00 120,00 1,05
A/6 110,00 120,00 1,05
A/7 110,00 120,00 1,05
A/8 110,00 120,00 1,05
A/9 110,00 120,00 1,05
A/10 60,00 1,05
A/11 110,00 120,00 1,05
B/1 140,00 1,05
B/2 140,00 1,05
B/3 140,00 1,05
B/4 140,00 1,05
B/5 140,00 1,05
B/6 140,00 1,05
B/7 140,00 1,05
B/8 140,00 1,05
C/1 40,80 1,05
C/2 110,00 120,00 1,05
C/3 120,00 1,05
C/4 120,00 1,05
C/5 120,00 1,05
C/6 110,00 120,00 1,05
C/7 110,00 120,00 1,05
D/1 60,00 1,05
D/2 60,00 1,05
D/3 60,00 1,05
D/4 60,00 1,05
D/5 60,00 1,05
D/6 60,00 1,05
D/7 60,00 1,05
D/8 60,00 1,05
D/9 60,00 1,05
D/10 60,00 1,05
D/11 60,00 1,05
D/12 60,00 1,05
E/1 40,80 1,05
E/2 40,80 1,05
E/3 40,80 1,05
E/4 40,80 1,05
E/5 40,80 1,05
E/6 40,80 1,05
E/7 40,80 1,05
E/8 40,80 1,05
E/9 40,80 1,05
E/10 40,80 1,05
E/11 40,80 1,05
E/12 40,80 1,05
TERRENI 90,00 1,25

 

STIME
Per conoscere un valore reale di mercato di un fabbricato e quindi effettuare una giusta stima, è di basilare importanza verificare:

i prezzi al mq. della zona dove è situato l’immobile, i collegamenti a servizi urbani, vicinanza ad attività commerciali o industriali, strade di accesso, traffico e rumorosità, disponibilità di parcheggi, presenza di area a verde, destinazione dell’immobile, epoca di costruzione, caratteristiche architettoniche, esposizione, orientamento, stato di manutenzione, regolarità degli impianti in base alla legge 46/90 sostituito con DM 37/2008 e successive integrazioni o modificazioni, diritti e privilegi che gravano sull’immobile ed eventuali altre condizioni peggiorative o migliorative che fanno variare il valore dell’immobile.

SUPERFICIE LORDA

La superficie lorda di una unità immobiliare è misurata in metri quadrati, è comprensiva di muri perimetrali calcolati al 100%, se è confinante con altre proprietà e con parti di proprietà condominiale è calcolata al 50%.

SUPERFICIE COMMERCIALE

È la superficie dell’unità immobiliare lorda sommata alle superfici in mq. di: balconi calcolati dal 33% al 50 %, terrazzi dal 20 al 50%, i mq. del piano cantinato e solaio dal 15% al 50%.

REQUISITI PER AGEVOLAZIONI PRIMA CASA

Le condizioni previste per i trasferimenti della proprietà per ottenere l’applicazione delle agevolazioni all’acquisto della prima casa sono:

a – L’abitazione deve presentare caratteristiche non di lusso

b – L’Immobile deve essere ubicato nel Comune in cui l’acquirente abbia o stabilisca entro 18 mesi la residenza o nel comune ove svolge la propria attività

c – Per i cittadini italiani residenti all’estero deve essere la prima casa ovunque ubicata nel territorio nazionale, il requisito di residenza non è richiesto per il personale di Forze Armate e Polizia

d – Per gli italiani trasferiti all’estero per lavoro, l’immobile deve essere ubicato dove ha sede o esercita l’attività il datore di lavoro.

Al momento dell’acquisto l’acquirente deve dichiarare i requisiti indicati ai punti precedenti a-b-c-d.
Deve dichiarare di non essere titolare esclusivo o in comunione con il coniuge dei diritti di un’altra casa idonea ad abitazione nel comune dove è situato l’immobile in acquisto.

Deve dichiarare di non essere titolare neppure in quote di comproprietà o in comunione con il coniuge, in tutta la nazione, dei diritti su un’altra abitazione acquistata con le agevolazioni per la prima casa.

Leggi di più

wp_9088373 Novembre 9, 2018 Blog no responses

ABITAZIONI

  • A/1 Abitazioni di tipo signorile
  • A/2 Abitazioni di tipo civile
  • A/3 Abitazioni di tipo economico
  • A/4 Abitazioni di tipo popolare
  • A/5 Abitazioni di tipo ultrapopolare
  • A/6 Abitazioni di tipo rurale
  • A/7 Abitazioni in villini
  • A/8 Abitazioni in ville
  • A/9 Castelli e palazzi di eminenti pregi artistici o storici
  • A/10 Uffici e studi privati
  • A/11 Abitazioni e alloggi tipici dei luoghi (trulli, rifugi di montagna, baite, ecc)

EDIFICI COLLETTIVI

  B/1 Collegi e convitti, educandati, ricoveri, ospizi , orfanotrofi, conventi, seminari, caserme

  B/2 Case di cura e ospedali (senza fini di lucro)

  B/3 Prigioni e riformatori

  B/4 Uffici pubblici (municipi ecc)

  B/5 Scuole, laboratori scientifici

  B/6 Biblioteche, pinacoteche, musei, gallerie, accademie che non hanno sede in edifici di cat A/9)

  B/7 Cappelle e oratori non destinati all’esercizio pubblico del culto

  B/8 Magazzini sotterranei per il deposito di derrate

 

MAGAZZINI NEGOZI AUTORIMESSE

  C/1 Negozi e botteghe

  C/2 Magazzini e locali di deposito

  C/3 Laboratori per arti e mestieri

  C/4 Fabbricati e locali per esercizi sportivi

  C/5 Stabilimenti balneari e di acque curative

  C/6 Stalle, scuderie, rimesse, box, autorimesse

  C/7 Tettoie chiuse o aperte

 

IMMOBILI A DESTINAZIONE SPECIALE

  D/1 Opifici

  D/2 Alberghi e pensioni

  D/4 Teatri, cinematografi, sale per concerti e spettacoli, ecc

  D/4 Case di cura e ospedali (a fini di lucro)

  D/5 Istituto di credito, cambio e assicurazione

  D/6 Fabbricati e locali per esercizi sportivi (a fini di lucro)

  D/7 Fabbricati costruiti o adattati x speciali esigenze di attività industriali e non destinabili a diversa destinazione senza radicali trasformazioni

  D/8 Fabricati costruiti o adattati x speciali esigenze di attività commerciali e non suscettibili di destinazione diversa senza radicali trasformazioni

  D/9 Edifici galleggianti o sospesi assicurati a punti fissi del suolo, ponti privati soggetti a pedaggio

  D/10 Residence

  D/11 Scuole e laboratori scientifici privati

  D/12 Posti Barca in luoghi turistici, stabilimenti balneari

 

IMMOBILI A DESTINAZIONE PARTICOLARE

  E/1 Stazioni per servizi di trasporto terrestri, marittimi e aerei

  E/2 Ponti comunali e provinciali, soggetti a padaggio

  E/3 Costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche

  E/4 Recinti chiusi per speciali esigenze pubbliche

  E/5 Recinti costituenti fortificazioni e loro dipendenze

  E/6 Fari semafori, torri per orologi comunali per uso pubblico

  E/7 Fabbricati destinati all’ esercizio pubblico dei culti

  E/8 Fabbricati e costruzioni nei cimiteri

  E/9 Edifici non compresi nelle categorie precedenti del gruppo E

Leggi di più

wp_9088373 Novembre 2, 2018 Blog no responses

Prima di valutare le offerte di un mutuo casa si dovrà prendere un’altra decisione importante, ovvero scegliere se affidarsi a un’agenzia immobiliare per trovare la casa perfetta, oppure seguire l’istinto e poi puntare a una compravendita tra privati, più economica per l’assenza di intermediari, ma non priva di rischi e piuttosto impegnativa dal punto di vista organizzativo.

I rischi di una compravendita senza agenzia sono di vario genere, alcuni superabili senza grossi danni, altri più problematici. Premesso che nessuna compravendita, anche se assistita, è totalmente esente dal rischio di sorprese ed errori, se si sceglie di fare tutto da sé meglio organizzarsi con cura, armarsi di pazienza e doppia attenzione ad ogni passaggio.

Verificare che la casa abbia tutte le carte in regola

Letteralmente. Cercando di non farsi accecare dall’entusiasmo di fronte a una casa perfetta per posizione e struttura, è assolutamente necessario procurarsi tutti i documenti relativi all’immobile, non solo i dati catastali ma tutto quello che serve a verificare che non siano presenti abusi edilizi, interventi non dichiarati, problemi legali di vario genere che potrebbero ricadere sulle spalle del compratore o compromettere il buon esito della richiesta di mutuo. Per questo tipo di verifica è sempre consigliabile affidarsi a un perito. Per il resto occhi aperti contro le truffe, in generale, e in particolare attenzione a:

  • spese e debiti in sospeso collegati all’immobile
  • ipoteche nascoste (si ha diritto a un’ispezione almeno ventennale sulla storia ipotecaria dell’immobile)
  • assenza di diritti di terzi e vincoli sull’immobile (da accertare sempre)

Calcolare con cura i costi visibili e gli imprevisti

Si tratta di un acquisto impegnativo e che non di rado può riservare spese aggiuntive non previste. Fare bene i propri conti, valutare attentamente tutte le spese sia per l’acquisto e il mutuo casa relativo, che per i passaggi di proprietà, senza tralasciare nulla, è fondamentale per non rimetterci tempo e denaro. Preventivi accurati eviteranno di trovarsi ad esempio a pagare spese preliminari prima di essere certi della fattibilità del mutuo. Nel valutare l’immobile sarà importante verificare lo stato degli impianti e la loro regolarità, per non avere spiacevoli sorprese. Se si tratta di un appartamento in condominio andrà controllata anche la regolare posizione di chi vende la casa rispetto alle spese condominiali. Per la parte legale/finanziaria, anche quando ci si muove in autonomia servirà affidarsi a professionisti. Nel conteggio complessivo dei costi non vanno quindi dimenticate le parcelle di periti e notai.

Leggi di più